Corti finalisti: penultima proiezione

La penultima proiezione pubblica dei cortometraggi finalisti ha visto protagonisti i film Resce la Lune di Giulia Di Battista, How to save your darling di Leopoldo Caggiano, Difficile da digerire di Roberta Costantini e Storie di sfruttamento nell’Agropontino di Andrea Mariani. In Resce la lune Vittoria, anziana tessitrice di reti da pesca, ripercorre i suoi …

La penultima proiezione pubblica dei cortometraggi finalisti ha visto protagonisti i film Resce la Lune di Giulia Di Battista, How to save your darling di Leopoldo Caggiano, Difficile da digerire di Roberta Costantini e Storie di sfruttamento nell’Agropontino di Andrea Mariani.

In Resce la lune Vittoria, anziana tessitrice di reti da pesca, ripercorre i suoi ricordi e la rete di convenzioni sociali e relazioni nella quale la sua vita è stata intrappolata.
Nel divertentissimo How to save your darling una coppia si trova ad affrontare i problemi di comprensione e comunicazione che l’amore porta con sè, tra intolleranze e allergie alimentari.
In Difficile da digerire la giovane protagonista Lucia decide di presentare il suo ragazzo vegano alla famiglia, tra trofei di caccia di suo padre e cucina tradizionale veneta della madre.
In Storie di Sfruttamento nell’Agropontino abbiamo frammenti di storie di sfruttamento dei lavoratori in campo agricolo, in particolare ai danni della comunità sikh nella provincia di Latina.

Quattro film molto diversi caratterizzano questo blocco di proiezioni che abbraccia i cicli “Produttori di altri tempi”, “Incontri difficili” e “Le origini del cibo: la terra”.